Trading con le forchette di Andrews

Tra i vari metodi di analisi tecnica a disposizione, non possiamo non ricordare – pur brevemente – l’esistenza del sistema di trading comunemente conosciuto come “forchette di Andrews”. Cerchiamo dunque di comprendere di cosa si tratti, quali siano le sue forme realizzative e in che modo sia possibile cercare di utilizzare le forchette di Andrews per i nostri scopi di investimento. Continue reading

Usare l’oscillatore OsMa per gli investimenti sul forex

oscillatori forex

L’utilizzo degli indicatori tecnici si può rivelare un validissimo aiuto per tutte quelle persone che puntano ad acquisire una maggiore consapevolezza nei propri investimenti valutari. Attraverso la corretta fruizione degli indicatori di analisi tecnica sarà infatti possibile cercare di capire e prevedere l’andamento di un trend e, di conseguenza, aprire le posizioni nei modi che si ritiene possano essere i migliori. Continue reading

I broker binari ormai aumentano il deposito minimo

deposito minimo broker

Agli inizi, quando ancora nessuno aveva mai sentito parlare di opzioni binarie, almeno per quanto riguarda l’Italia, basso era il numero dei broker di opzioni binarie. Poi il boom, quindi tante società iniziarono a spuntare come funghi, e l’offertà si ampliò.

Ma più offerta si tradusse in maggiore concorrenza, così, per accaparrarsi alcuni clienti, certi broker decisero di puntare sulla formula: deposito minimo basso, più utenti registrati.

Effettivamente questo sistema funziona, broker come Topoption hanno acquisito migliaia di clienti con il deposito minimo di 100$. Tuttavia, acquisire clienti da 100$ significa anche acquisire clienti mordi e fuggi, ovvero i tipici utenti che pensano di diventare ricchi partendo da 100$, ovviamente, una volta entrati nel pieno dell’azione, e perso il capitale iniziale, scompaiono rinunciando ai sogni di gloria.

Questi sono gli utenti peggiori per ogni broker, sapete perché?

Perché sono solamente un costo.

Ogni broker non può pensare che gli utenti si registrino in automatico, devono spendere denaro, e pure tanto, in pubblicità. La pubblicità può essere di vario genere, tramite banner, tramite annunci sponsorizzati come quelli molto conosciuti di Google adsense, tramite le affiliazioni pay per sales, e via discorrendo.

Se per ogni cliente acquisito si spendono 200$, e poi questo perde i 100$ depositati e scompare, appare evidente che la perdita netta del broker sarà di 200$ – 100$ = 100$.

Continuare in questo modo non è possibile, quindi, bisogna dare una sterzata alla propria attività. O si trovano dei traders che dopo aver iniziato con 100$ incrementano il capitale in seguito, oppure si innalza il deposito minimo onde evitare di investire su traders ad elevato costo.

Visto che personalmente mi occupo di opzioni binarie, perché io come voi sono un trader, mi sono permesso di porre questa domanda all’assistenza di uno dei tanti broker che ha messo in pratica la formula dell’aumento del deposito minimo. Nello specifico, il broker a cui ho domandato ha innalzato il deposito portandolo da 100$ a 200$.

La risposta che mi è stata data è questa: Abbiamo molti costi di gestione, ogni nostro cliente è un capitale e vogliamo assicurare allo stesso una eccellente permanenza. Questo per dire che non si possono permettere di mantenere traders di basso livello, quelli troppo inesperti e con le tasche vuote.

Beh, mi sembra giusto e corretto, d’altra parte non è pensabile di iniziare a fare trading con qualche euro in tasca, il money management dovrebbe insegnare qualcosa.

Cosa sono le medie mobili

indicatori trading

Le medie mobili sono un semplice strumento di analisi tecnica che analizza i dati dei prezzi generando un prezzo medio che viene aggiornato costantemente. La media viene rilevata in un determinato periodo di tempo, che può essere di 10 giorni, 20 minuti, 30 settimane o un periodo di tempo scelto dall’investitore in opzioni binarie. La capacità di potersi adattare a trading di lungo e breve termine è uno dei vantaggi offerti dallo strumento della media mobile.

Un altro importante vantaggio dell’utilizzare le medie mobili è quello di ridurre il “rumore” sul grafico. Osservando la direzione della media mobile si può avere un’ idea di come il prezzo si sta muovendo. Generalmente si può affermare che un’inclinazione verso l’alto indica che il prezzo si muove verso l’alto (o recentemente si è mosso in quella direzione), mentre un’inclinazione verso il basso indica che il prezzo si muove verso il basso. Quando vediamo che si muove lateralmente, è probabile che il prezzo si stia muovendo in un intervallo.

Inoltre, le medie mobili possono fungere da supporto e resistenza in modo tale che il prezzo rimbalza al di fuori di essa. In un trend al ribasso, la media mobile può anche agire come una resistenza, alla stregua di un soffitto che il prezzo tocca e ricomincia la sua discesa.

Come regola generale, possiamo affermare che se il prezzo è al di sopra della media mobile, il trend è rialzista. Se il prezzo è al di sotto della media mobile, la tendenza è ribassista. Poichè le medie mobili possono avere lunghezze diverse, possiamo averne una che indica una tendenza rialzista, mentre un’altra mostra una tendenza al ribasso. E’ importante tenere a mente questa caratteristica quando si usa questa strategia per investire in opzioni binarie.
Un aspetto importante da considerare è che se il prezzo del bene attraversa un periodo di oscillazioni, variando avanti e indietro, genera più segnali di investimento e segnali di inversione di tendenza. Quando si verifica questo, è consigliabile abbandonare l’uso delle medie mobili e passare all’utilizzo di un altro indicatore per cercare di chiarire qual’è la tendenza effettiva. Questo è il motivo per cui le medie mobili non sono adatte a situazioni di mercato con grande volatilità e fluttuazione dei prezzi.