Dollaro in apprezzamento sui dati delle vendite e di fiducia

Nel corso delle ultime ore il dollaro si è nuovamente apprezzato, aiutato – come già accaduto venerdì scorso – da alcuni elementi macroeconomici. Nella fattispecie, il supporto è stato fornito dai dati degli ordini di durevoli, vendite di case e fiducia dei consumatori, risultati tutti migliori del previsto. Dunque, si rafforza l’ipotesi che la prestazione deludente del primo trimestre sia del tutto temporanea, e che dunque già nel secondo trimestre si possa osservare una solida ripresa. Continue reading

Accordo greco (forse) più vicino, le Borse sorridono

L’accordo tra la Grecia e i suoi creditori è più vicino. Parola, almeno, del premier ellenico Tsipras e del suo punto di riferimento finanziario – per quanto ampiamente criticato – Varoufakis. In particolare, il ministro delle finanze greco ha addirittura stimato una tempistica utile per poter arrivare alla formalizzazione di un’intesa, prevedendo in una sola settimana la firma. Continue reading

Rialzo tassi Fed, è tutto pronto?

federal-reserve

Il dollaro ha aperto la settimana proseguendo il buon rialzo di venerdì scorso, per poi arretrare ieri mattina. Ne è emersa una valutazione fondamentale: il dollaro sta faticando a mantenere una tendenza e, soprattutto, a farlo in maniera rialzista. Probabilmente il tutto è dovuto dall’assenza di dati sufficientemente favorevoli da far pensare che tra giugno e luglio la Fed possa alzare i tassi. Ma è veramente così? Continue reading

Investimenti finanziario – assicurativi, la vigilanza rimane in capo alla Consob

consob

Nessuna grande novità sulla vigilanza sui prodotti finanziario – assicurativi. Stando a quanto si riporta oggi a mezzo stampa, nello schema di decreto legislativo che recepisce la direttiva Ue – Solvency II – atteso nelle prossime ore sul tavolo del Consiglio dei ministri, il collo di tali prodotti che hanno un maggiore profilo di rischio è stato restituito alla Consob di Giuseppe Vegas dopo che il governo ha recepito i pareri che sono stati espressi dalle commissioni parlamentari competenti (pareri che, si ricorda, sono obbligatori ma non vincolanti per le decisioni dell’esecutivo guidato da Matteo Renzi. Continue reading