Che cosa è il bail in?

bail in

Se ne parla in misura sempre più diffusa, e non sempre sembra esservi la giusta consapevolezza su tale tema. Parliamo naturalmente del bail in, uno dei protagonisti mediatici di queste settimane, che dal 2016 – almeno in via teorica – potrebbe riguardare tutti i correntisti in seguito all’entrata in vigore anche in Italia della Direttiva Brrd (Bank Recovery and Resolution Directive) sui salvataggi e sulla risoluzione delle crisi bancarie. Continue reading

Vigilia tassi Fed, dollaro in salita

Il dollaro nella seduta di ieri è salito in misura rilevante, spinto da una sessione piuttosto positiva delle principali Borse internazionali, e dalla contemporanea ascesa dei rendimenti. Le dinamiche dei mercati hanno prevalso nettamente sui dati – ricordavano gli analisti – che negli USA sono stati tutti più deboli delle attese. Nonostante tale situazione, infatti, la valuta verde non sembra averne risentito in misura evidente, anzi.

Per quanto concerne le prossime ore, è altamente probabile che non vi siano scossoni degni di nota. L’aleatorietà in essere è infatti orientata dall’elevata incertezza sull’esito del FOMC di domani, e l’impatto finale delle notizie di questi minuti sulla valuta non dovrebbe superare l’ampiezza del movimento di ieri. Dunque, massima attenzione agli annunci Fed. Per il resto, non riteniamo che vi siano elementi in grado di influenzare l’andamento del dollaro USA. Continue reading

Petrolio sottostimato: il suo valore è molto più alto di quanto immaginiate…

petrolio

Il prezzo del greggio oggi viaggia sotto quota 50 dollari. Eppure, di questi tempi, appena un anno fa, le principali previsioni sul prezzo del greggio oscillavano sopra quota 100 dollari al barile. Insomma, in termini ancora più chiari, oggi il prezzo del greggio è circa la metà di quanto era stato previsto dodici mesi fa: un grossolano errore di riferimento finanziario, o l’evidenza di qualcosa di più complesso alle spalle? Continue reading

Rialzo tassi Fed: cosa succederà a settembre?

fed

Nessuno sa con certezza cosa accadrà tra breve, quando la Federal Reserve deciderà il da farsi in materia di tassi d’interesse. Ad esserne convinto – sottolineava un approfondimento condotto da Marcello Bussi su Milano Finanza – è anche Stanley Fischer ai microfoni di Cnbc venerdì 28 agosto. Ma per quale motivo permane una simile aleatorietà? Continue reading