Trading con le forchette di Andrews

Tra i vari metodi di analisi tecnica a disposizione, non possiamo non ricordare – pur brevemente – l’esistenza del sistema di trading comunemente conosciuto come “forchette di Andrews”. Cerchiamo dunque di comprendere di cosa si tratti, quali siano le sue forme realizzative e in che modo sia possibile cercare di utilizzare le forchette di Andrews per i nostri scopi di investimento.

Cosa sono le forchette di Andrews

Cominciamo con il ricordare che le forchette di Andrews costituiscono un sistema di trading che viene realizzato tracciando tre linee parallele sul grafico, al fine di comprendere in che modo muoversi all’interno del grafico stesso e, in ultima istanza, in che modo poter aprire delle nuove posizioni in “guadagno”.

Stabilito quanto sopra, è altresì opportuno ricordare come numerosi broker propongano – all’interno delle proprie piattaforme di trading – dei validi grafici che consentono di impostare automaticamente la comparsa delle forchette di trading. A nostro giudizio, tuttavia, acquisisce una importanza ancora maggiore l’azione diretta del trader, che può ben scegliere di tracciare manualmente, su un grafico, le linee costitutive le forchette di Andrews: in questo caso l’esperienza dell’investitore potrà rivelarsi un vero e proprio valore aggiunto per le proprie finalità di impiego.

Sancito che l’esperienza del trader gli permetterà di tracciare le linee più utili, le forchette di Andrews non sono altro che delle linee che mettono in contatto un primo punto di riferimento (un picco alto o basso) con altri punti di minimo o di massimo (naturalmente, a destra del primo punto, che rappresenterà pertanto un punto iniziale di osservazione).

Una volta tracciate le forchette di Andrews, sarà possibile effettuare degli scambi all’interno del canale, o utilizzare a nostro scopo i momenti in cui i prezzi dell’asset di riferimento escono al di fuori dei limiti tracciati in tale canale, partendo sempre dal presupposto fondamentale che il prezzo tenderà a gravitare intorno alla linea mediana. Altrettanto naturalmente, è possibile ricordare come dal momento in cui i prezzi rompono il livello di supporto o quello di resistenza, sarà possibile operare sfruttando tali momenti.

Come per ogni nostro approfondimento, ricordiamo brevemente, in sede di chiusura, che è consigliabile procedere all’effettuazione di operazioni di trading solamente dietro a una sinergica e integrata conoscenza, evitando cioè di essere influenzati da un solo strumento di analisi tecnica. Ricordate infine di investire in maniera diversificata, di impostare adeguati livelli di stop loss e take profit, e agire secondo una strategia precedentemente pianificata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *